Archivio di giugno 2015

INIZIA IL NUOVO PROGETTO OP – Pubblicato il nuovo bando per il recupero dei muretti

martedì, 16 giugno 2015

Lo scorso mese di aprile sono iniziate le attività dei nuovi  progetti triennali gestiti dalle Organizzazioni dei Produttori a sostegno dell’olivicoltura. Olivicoltori Toscani Associati, insieme ad altre cooperative toscane del settore olivicolo ha compiuto un salto di qualità: hanno aderito all’OTA, e quindi al progetto, le cooperative Oleificio Cooperativo Montalbano, la cooperativa Terre dell’Etruria e il Frantoio Cooperativo Valdelsano dando origine ad una delle più grandi Organizzazioni di Produttori del settore olivicolo a livello nazionale. Insieme abbiamo costruito il nuovo progetto triennale ed insieme realizzeremo le attività progettate. Fra queste abbiamo mantenuto l’obiettivo del recupero di muri a secco in oliveti  che si trovano in ambienti svantaggiati, destinando, peraltro, maggiori risorse rispetto al passato.

Consapevoli  che l’olivicoltura toscana ha diversi problemi strutturali ed organizzativi, con il “Progetto” cercheremo di fornire nuovi stimoli, indirizzi e sostegni per la soluzione. Uno dei problemi più evidenti è relativo alle aree terrazzate dove il mantenimento e il ripristino dei muretti a secco rappresentano un onere al quale è difficile che le aziende, da sole, possano fare fronte. Contemporaneamente il loro mantenimento è indispensabile per la salvaguardia e la difesa orografica e idrogeologica delle nostre colline, oltre a salvaguardare aspetti storico-paesaggistici dei  nostri territori.

 

Buti – “l’aquila” disegnata dai muri a secco

Con i passati progetti sono già stati recuperati oltre 20.000 mq di muretti a secco; con l’attuale progetto verranno recuperati 2.700 metri l’anno che alla fine dei tre anni ci faranno raggiungere quota 29.000. È sicuramente poca cosa rispetto alle reali esigenze le quali, però, possono essere affrontate in maniera compiuta solo attraverso scelte politiche importanti, vista la complessità del problema. Con il Progetto siamo convinti di dare, e aver dato, il nostro modesto contributo, per un corretto approccio al problema.